lunedì 27 febbraio 2012

Una Roma - Ostia da blogtrotters


Ragazzi che domenica, a parte la gara che avevo trasformato in un lunghissimo da 36 km in vista della preparazione di Roma, quindi senza velleita agonistiche ma alla ricerca di una conferma sulla tenuta che a parte i dolori ai polpacci è stata abbastanza positiva,  la giornata è stata talmente ricca di avvenimenti fin dall'inizio che merita un posto particolare nell'album dei ricordi.
Sveglia alle 6 tutto gia pronto ,caffe ,zaino, grugnito della moglie e via alla metro,alle 7,30 insieme ad altri migliaia di runner sbarco alla stazione Roma Fermi lascio lo zaino al camion deposito e solo soletto comincio a macinare km  ,al 7° lascio il laghetto dell'Eur e mi dirigo verso il blogpoint dove perdo l'incontro con Kikko e il gruppo di Novara (ciao ragazzi è stato un vero piacere conoscervi) ma trovo il fiore della colonna romana dei blogtrotters con cui mi immortalo in alcune foto , con un bis per l'arrivo nel gruppo dell'amico Marco C.
Dopo le foto , con Yogi si riparte per mettere su altri km (anche lui alle prese con il lungo) si uniscono a noi Master e Maurizio Wind ,decidiamo di correre fino alla partenza dell'ultima griglia delle 9,30 e alla fine facciamo insieme altri 8 km che fra battute e discorsi semiseri volano via in un attimo.
Torniamo alle gabbie di partenza , si parte primi 300 metri a Yo cade via il telefono e Master rischia di essere travolto per recuperarlo,siparietto fra i due perchè Yogi credo non se ne fosse neanche accorto.
Ognuno il suo passo e ci misceliamo nel turbinio di gambe e voci che popolano la strada che ci porta al mare di Roma.
Mantengo il ritmo maratona che mi ero imposto ,sono solo,  e vivo l'intreccio di parole ,situazioni e personaggi che danno vita a questa meravigliosa gara man mano che mi avvicino alla meta.
Al 19° (34 km per me)  sento i polpacci come 2 bottiglie di birra Peroni , che dolore, ormai sono vicino cerco di incrementare il ritmo ,ma le gambe non rispondono ,taglio il traguardo( 36 km e spicci) e ritirato rifornimento ,medaglia e zaino cerco un posticino dove asciugarmi e cambiarmi.
Raggiugo la zona pranzo,  il buon Marcoaurelio viste le mie condizioni comincia a massaggiarmi i polpacci....che dolore ,un male tremendo , arriva il resto della truppa e ci sediamo a tavola.
 L'ottimo pranzo è incornicato dai racconti, dalle battute e cazzeggiate  che rendono l'atmosfera unica e io in quel momento fra quegli amici mi sono veramente sentito uno di loro ,un blogtrotters, anzi  Yoghi mi consegna anche la spilla ufficiale il cui costo per mancanza di resto è pagato dal buon Maurizio Wind (grazie Mauri').
Ritorno a casa accompagnato dal buon Marcaurelio e consorte stanco ma felicissimo per aver passato una giornata stupenda , e con il pensiero al prossimo 18 Marzo ,pregustando un nuovo blogpoint ,sicuramente "Al Cantinone" mitico ritrovo dei blogtrottotters,  chi legge questo post e viene a Roma non perda l'occasione altrimenti  non saprà mai quello che si perde.
Ciao ragazzi alla prossima


24 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie Nino,che fai ci vieni a trovare prossimamente magari per Roma.

      Elimina
  2. Sei in grande forma a Roma spacchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono molto ottimista ,ma se lo dici tu ci credo davvero.

      Elimina
  3. Ottimo lunghissimo. Il male hai polpacci è una costante. Per il Cantinone l'ho perso l'anno scorso quindi quest'anno doppie portate :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, allora a tra poco e tranquillo di portate quante ne vuoi, deve rifarti assolutamente.

      Elimina
  4. E' strano infatti quando a tratti, malgrado le tante persone vicine, corriamo la nostra gara in solitaria, da soli, noi e il nostro respiro.
    Bel lungo ti sei sparato, complimenti!
    PS
    chissà se ancora gli funziona il tel a Yò dopo quello sparo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Master.
      E'vero ,una sensazione unica,concentrati talmente sul nostro atto da estranearci da quello che ci circonda.
      Meno male che Yo l'aveva incartato con il domopack almeno i pezzi restavano insieme...

      Elimina
  5. Ottimo lavoro, il dolore era giustificato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francos , però a Venezia alla fine non avevo tutto quel dolore, è anche vero che sto preparando Roma con un ritmo più veloce
      Confidiamo nello scarico per assestare il tutto.

      Elimina
  6. piacere tutto nostro.. Quoto RB, spacchi spacchi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia cercherò di non deludere le aspettative.

      Elimina
  7. senza di voi non avrei retto all'urto dei miei 29km, dico davvero, al contrario di te che invece sei in piena ascesa... al cantinone però mi prendo la rivincita! :))

    ps. il cell sembra funzionare ancora....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, con quei gabbiani credo che non ci saremmo più fermati.
      Al cantinone partiamo con lo stesso tempo.
      Bene quel cellulare ha la coccia dura come il padrone

      Elimina
  8. Fatte scarica' li porpaccioniiiii...!!!
    Sinno ar Colosseo c'arivi come uno che cammina su li trampoli....
    ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eseguiti tutti i tuoi consigli bicarbonato compreso , massaggi in fisioterapia e magnesio a gogò, va molto molto meglio e domani riprendo la preparazione.
      Sei come al solito preziosissimo.

      Elimina
  9. Max, quando ci siamo visti al 19° stavi ancora na favola... come ti ha già detto RB sei in ottima forma, complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco, ma anche tu mi sembravi OK
      Come sono andati i km supplementari.
      Peccato non averti avuto a pranzo con noi...la prossima volta non ci sono scuse.

      Elimina
  10. Bravo Max, con questo lungo sono sicuro farai una buona maratona. Quanto alle peroni...non saranno mica scariche le scarpe?

    RispondiElimina
  11. No ma ci sei vicino erano nuove,comprate venerdi e portate il sabato ma evidentemente erano ancora rigide,
    e ne ho risentito (peccati di gioventù),ma però per Roma saranno al top.
    A presto

    RispondiElimina
  12. Grande giornata davvero...è stato un piacere conoscerti...alla maratona se vai tranquillo come in allenamento non avrai nessun problema a chiuderla in progressione...occhio però a non farti prendere la mano e patire più forte del dovuto..in bocca al lupo caro:-)

    RispondiElimina
  13. Grazie dei consigli,cercherò di non farmi prendre la mano e trovare un passo costante fin dall'inzio.
    Un abbraccio ed un arrivederci a presto.;)

    RispondiElimina
  14. Oh, 'na volta che c'eri potevi spararti anche il ritorno, no? :D

    RispondiElimina
  15. Ci avevo quasi pensato ,ma la prossima volta se mi accompagni la facciamo insieme OK.

    RispondiElimina